Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente

banner app

AVVISO! Questo sito utilizza cookie

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Cookies in uso su questo sito

I Cookies e come ti possono avvantaggiare

Il nostro sito Web utilizza i cookie, come quasi tutti i siti Web, per aiutarti a fornire la migliore esperienza possibile. I cookie sono piccoli file di testo che vengono posizionati sul tuo computer o cellulare quando navighi nei siti web
I nostri cookie ci aiutano:

  1. A far funzionare il nostro sito web come ti aspetteresti
  2. Ricordare le tue impostazioni durante e tra le visite
  3. Migliora la velocità e sicurezza del sito

Non usiamo i cookie per:

  1. Raccogliere informazioni personali identificabili
  2. Raccogliere informazioni sensibili
  3. Passare dati alle reti pubblicitarie
  4. Passare dati personali identificabili a terze parti

Puoi saperne di più su tutti i cookie che utilizziamo continuando a leggere. Concedici il permesso di utilizzare i cookie. Se le impostazioni del software che utilizzi per visualizzare questo sito Web (il tuo browser) sono regolate in modo da accettare i cookie, prendiamo questo e il tuo uso continuato del nostro sito web come accettazione delle nostre impostazioni. Se si desidera rimuovere o non utilizzare i cookie dal nostro sito è probabile che il nostro sito non funzioni come previsto.
Maggiori informazioni sui nostri cookie

Cookie di funzioni del sito Web

  1. Utilizziamo i cookie per far funzionare il nostro sito Web, tra cui:
  2. Determinare se si è connessi o meno
  3. Ricordare le impostazioni di ricerca

Non c'è modo di impedire che questi cookie vengano impostati diversamente se non evitando il nostro sito.
Funzioni di terzi
Il nostro sito, come la maggior parte dei siti Web, include funzionalità fornite da terze parti. Un esempio comune è un video di YouTube incorporato. La disabilitazione di questi cookie interromperà probabilmente le funzioni offerte da queste terze parti.
Disattivazione dei cookie
Di solito puoi disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser per impedirgli di accettare i cookie. Tuttavia, ciò potrebbe limitare la funzionalità della nostra e di gran parte dei siti Web del mondo poiché i cookie sono una parte standard della maggior parte dei siti Web moderni

Per maggiori informazioni consulta il documento sull'uso dei cookie

Tramite questo link è possibile raggiungere la pagina con il provvedimento del Garante Privacy.


CSIC89700C qrcode icoVai direttamente alla pagina di Scuola in Chiaro

Se il tuo smartphone ha già un programma di lettura per QR code, basterà:

  1. fai click sul codice QR per ingrandirlo
  2. avviare il programma di lettura QR code
  3. inquadrare con la fotocamera del tuo dispositivo il QR code che trovi in alto
  4. cliccare sul link associato al QR code (tale funzionalità dipende dal programma di lettura utilizzato)

Se il tuo smartphone non ha un programma di lettura dei QR code sarà sufficiente scaricarne uno per cellulari, generalmente senza costi, dallo store del tuo dispositivo e seguire le indicazioni del punto precedente


PreparationCentreLogo ico


Il D.M. 201 del 6 agosto 1999 regolamenta i corsi di strumento musicale nelle scuole medie statali. Si tratta più semplicemente, dello studio, appunto, di uno strumento musicale accanto a quello dell’educazione musicale che deve mirare alla promozione di un miglioramento del livello cognitivo ed estetico senza però pretendere il raggiungimento di livelli di competenza alti come quelli che, per esempio, dovrebbero essere in Conservatorio. Al contrario, questo tipo di educazione, all’interno della scuola dell’obbligo, deve poter abbracciare tutti coloro che abbiano la volontà di cimentarsi in questa arte a diversi livelli, dal semplice livello amatoriale alla prospettiva dello sviluppo dell’eccellenza.

Effettivamente tutto iniziò nel 1977, quando l’allora Ministro della Pubblica Istruzione Malfatti, nel suo disegno di legge inserì, tra le altre cose, almeno una scuola media ad indirizzo musicale per ogni provincia. Già nell’a. s. 1975/76 venne avviato questo disegno con dicitura “corsi sperimentali ad orientamento musicale” e più tardi ad “indirizzo musicale”.

Solo nell’a. s. 1979/80 fu chiarito che gli strumenti musicali dovevano essere da un minimo di tre ad un massimo di cinque e che le tipologie papabili dovevano essere scelte tra: pianoforte, violino, violoncello, oboe, clarinetto, flauto, corno, tromba, chitarra classica.

Il decreto del 13 febbraio 1996, fu denominato “Nuova disciplina della sperimentazione nelle scuole medie ad indirizzo musicale” e considera questo insegnamento come

1) arricchimento formativo per l’alunno preadolescente, da realizzare come integrazione alla programmazione didattica dei Consigli di classe e dei Collegi dei docenti;

2) insegnamento propedeutico allo studio musicale; occasione per l’alunno di fare delle scelte consapevoli sul suo futuro, di avere una appropriazione del linguaggio musicale, attraverso lo studio di uno strumento, rappresentare occasione di crescita anche per gli alunni.”1

1 Decreto Ministeriale 13 febbraio 1996, ex art. 1.

Con la legge n. 124/1999, ossia quella del 6 agosto, l’insegnamento viene ricondotto ad ordinamento di strumento musicale che rientra, finalmente, nell’organico di diritto e concorre al piano dell’offerta formativa dei discenti. Più tardi con il D.L.vo del 17 ottobre 2005 n. 226 si sviluppa l’organizzazione

per l’avvio al liceo musicale e Coreutico. Questo decreto ribadisce l’importanza delle Scuole medie secondarie ad indirizzo musicale.1

1 Art. 23 Capo IV (Insegnamento dello strumento musicale):
”Al fine di assicurare i livelli necessari per la frequenza dei percorsi del liceo musicale, i corsi ad indirizzo musicale istituiti nelle scuole medie ai sensi dell’art. 11, comma 9, della legge 3 maggio 1999, n. 124, realizzano percorsi formativi introdotti dal decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59, assicurando l’insegnamento dello Strumento musicale veruna quota oraria obbligatoria non inferiore a quella prevista per i predetti corsi ad indirizzo musicale. Tale quota oraria è obbligatoria per gli studenti che frequentano tali corsi, ed è aggiuntiva alle 891 ore obbligatorie previste dall’art. 10, comma 1,del predetto decreto legislativo n. 59 del 2004; conseguentemente, l’orario annuale rimesso alla scelta facoltativa e opzionale degli allievi, di cui al comma 2 del predetto articolo 10, è ridotto di un corrispondente numero di ore.